Squadra

Squadra

SQUADRA

I commenti dei progettisti

Claudio Maletto, progettista italiano dello Studio Fontana-Maletto di Como, ha lavorato per anni nei consorzi di Coppa America, da Il Moro di Venezia a Luna Rossa, partecipando così alla progettazione e allo sviluppo di 11 famosi “America’s Cupper” italiani. Rientrato da Valencia dopo la Coppa, ha sfruttato il suo grande bagaglio di conoscenze e la sua importante rete di contatti per progettare, con notevole successo, imbarcazioni di produzione.
“SAPHIRE è una filosofia che non ha pari sul mercato e il suo potenziale è enorme. Abbiamo voluto progettare un'imbarcazione che potesse essere manovrata da una famiglia con bambini piccoli, ma allo stesso tempo fosse utilizzabile in regata da velisti esigenti. I moderni scafi da competizione sono impegnativi da portare con forte vento, con SAPHIRE abbiamo voluto sposare sicurezza e velocità per rendere facile la navigazione. Altri elementi chiave di SAPHIRE sono la flessibilità di trasporto e la facilità di varo. Il design è moderno e attuale per garantire un valore duraturo nel tempo. "Navigare con facilità” questa è la filosofia progettuale seguita per integrare tutte le idee innovative e creare uno scafo che non abbia pari sul mercato.”

I commenti del proprietario

Michael Tobler ha lavorato nell'industria dei beni di consumo fin dai tempi in cui studiava economia-commercio e marketing nei primi anni Novanta. Ha maturato vent’anni di esperienza a livello internazionale in diversi ambiti dopo di che a deciso di realizzare il suo sogno di una barca carrellabile e sportiva per la famiglia.
“Dopo aver completato una carriera internazionale, ho voluto sposare la passione con la professione e ho deciso di creare SAPHIRE, un marchio che non ha eguali. L'idea è nata quando, partecipando a diverse regate, ho capito che stavo passando poco tempo con la mia famiglia. Volevo conciliare la mia passione con la vita famigliare e ho creato questa filosofia di divertimento, sport e facilità di gestione. “Varare e mollare gli ormeggi”, “Navigare con la famiglia” e “prodotti sportivi in serie" sono i tre aspetti di questa idea, che concilia tutto. Non c'è bisogno di spendere tanto denaro in hotel o grandi macchine. Prendi il rimorchio e via. Condividi questa passione con la famiglia o con amici e colleghi per una regata. La passione che ci accomuna è una sola: navigare allo stato puro.”

I commenti del capo progetto

Trimarine Advanced Marine Projects è una società Project Management fondata nel 1995 con l’obiettivo di sviluppare soluzioni ottimizzate per impieghi marini. Sono specializzati in ingegneria di processo, costruzioni, progettazione di sistemi e allestimento di yacht a elevate prestazioni da competizione e da crociera in materiali avanzati. L’origine di Trimarine risale al 1989 quando il management team di oggi fu invitato  fare parte di un progetto “unico” – la campagna IACC de ‘Il Moro di Venezia’. Assieme ad altri 200 membri del team hanno definito e realizzato un cantiere “unico al mondo” nel quale tutti i 5 yacht della campagna furono sviluppati, costruiti e collaudati. Il loro coinvolgimento non fu casuale, già allora avevano maturato un’esperienza più che decennale nell’impiego dei materiali compositi avanzati, in particolare delle strutture a sandwich, esperienza che poi si è ulteriormente affinata dagli anni Ottanta a oggi. 
Il Project Manager del progetto SAPHIRE, Sebastiano Rech Morassutti ha gestito negli anni passati la costruzione di sette America’s Cup Yacht e ha così apportato al progetto una grande mole di conoscenze provenienti dall’industria nautica. 
“Fin dal primo momento ci siamo concentrati su una tecnologia costruttiva che garantisse uno scafo leggero; abbiamo studiato ogni elemento con particolare attenzione affinché ciascuno di essi si integrasse in maniera ottimale con ogni fase produttiva. Oltre ad avere tenuto ben presente un preciso target di prezzo, abbiamo sviluppato la barca in modo tale che fosse facilmente riproducibile in diversi cantieri navali ovunque nel mondo. Ciononostante, la qualità doveva rispettare requisiti e standard Svizzeri. Questo genere di filosofia rappresenta la base fondamentale per creare una flotta consistente.”.

I commenti dei progettisti delle vele

Le vele di SAPHIRE sono state sviluppate appositamente per questo scafo e SAPHIRE SAILS è il marchio di queste vele monotipo. Alessandro Castelli, ingegnere aeronautico specializzato in aerodinamica con anni di esperienza e ottimi risultati nelle maggiori regate internazionali, ha disegnato le vele di SAPHIRE. Anche lui è parte del mondo di Coppa America avendo fatto parte del Design Team del primo consorzio svizzero che ha partecipato alla Coppa America. 
«Occorrono vele leggere e maneggevoli per conciliare famiglia e competizione. I materiali tradizionali sono troppo pesanti ed elastici per essere utilizzati al meglio su albero in carbonio, per cui abbiamo deciso di usare laminati leggeri per le vele da andature strette e NYLON per quelle da venti portanti come il gennaker. La randa interamente steccata unita all’albero in carbonio senza strallo di poppa rappresenta la soluzione ideale per una navigazione veloce e di facile gestione. La forma squadrata della penna nasce dalle esperienze fatte sugli America’s Cupper e sui moderni catamarani. Le forme del fiocco, con leggera sovrapposizione alla randa, sono ideali per stringere il vento con un ottimo angolo e alte velocità. Per chi vuole andare in crociera tranquillamente o si avvicina per la prima volta a uno scafo del genere, abbiamo sviluppato una randa meno potente “alla portata di tutti”.Per navigare con venti portanti SAPHIRE ha un gennaker abbastanza grande da garantire alte velocità pur rimanendo facile da usare, ma per chi vuole ottenere le massime prestazioni da SAPHIRE il grande Code 0 è la soluzione ideale da issare con vento medio e leggero.

Commenti dei progettisti strutturali

La Advanced Mechanical Solutions è stata fondata da Francesco Pelizza nel 2005 fondendo la sua professionalità di ingegnere meccanico in campo aerospaziale con anni di esperienza di navigazione e partecipazione alle maggiori regate d’altura quali Minitransat, Sidney Hobart, Course de l’Europe. Il “core business” di AMS è la progettazione strutturale e l’analisi dei materiali compositi per uso nautico (scafi, alberi, appendici, ecc.), ma una parte di lavoro si sviluppa anche in ambito industriale e aeronautico. Negli anni scorsi AMS si è occupata, tra l’altro, della progettazione strutturale di scafi quali RC44, Advanced 66, Grand Soleil 39 e 43.
“Abbiamo fatto uno studio strutturale molto approfondito per disegnare le strutture di questa piccola imbarcazione dalle elevate caratteristiche che non doveva essere costosa dal punto di vista della produzione e dei materiali. SAPHIRE doveva essere estremamente leggera, affidabile e robusta e abbiamo utilizzato le tecniche ingegneristiche più attuali (CAD, FEA, CFD) per creare un’imbarcazione sportiva che rientrasse nei costi richiesti per una produzione di massa.”

Commenti del designer di interni e coperta

“Fin dall’inizio di questa eccitante avventura con SAPHIRE ho pensato al potenziale cliente come una persona molto attenta design, interno ed esterno, un cliente che ami le forme di una macchina sportiva e il comfort familiare di un’utilitaria: due aspetti difficili da conciliare. Abbiamo lavorato molto per creare delle forme esterne dalle linee moderne, con alcuni elementi decisamente innovativi per un’imbarcazione di questa categoria. Sia la coperta che gli interni sono stati sviluppati con particolare attenzione alla leggerezza e alla funzionalità. Abbiamo lavorato molto con Claudio Maletto per avere degli interni e una coperta che integrino gli aspetti funzionali con quella che è la mia filosofia per vivere una giornata a bordo di SAPHIRE”.
Mauro Sculli, fondatore dello Studio Sculli, si occupa di yacht design management da quasi 30 anni lavorando in maniera indipendente o in collaborazione con altri tecnici del settore. Negli anni passati ha avuto modo di lavorare al fianco di Fontana-Maletto, Giorgetti & Magrini e Wally nel design di scafi a vela da crociera e da competizione e di yacht a motore di grandi dimensioni.

I commenti del cantiere navale

Gabmar Boats ha sede in Masuria in Polonia ed è gestita dagli stessi proprietari da 15 anni. Gabmar ha un enorme know-how nella tecnologia di infusione. La sua origine risale ai COMAR YACHTS, che costruirono le loro barche da Gabmar. I proprietari, Kris e Agnieszka, lavorano nel settore da molti anni. Kris in precedenza ha lavorato per molti anni in Italia a Comar, dove ha consolidato la sua esperienza nella costruzione di imbarcazioni. L'azienda ha circa 30 impiegati fissi, tutti lavoratori qualificati e può costruire due zaffiri 27 al mese.

"Fin dal primo momento siamo rimasti entusiasti del concetto unico di SAPHIRE e abbiamo rilevato la produzione da un grande cantiere navale. Abbiamo costruito molte imbarcazioni nell'industria nautica, sia sportiva che da crociera, con tecnologie diverse, ma Saphire à diverso. E 'stato pensato fin nei minimi dettagli, costruito come una piccola America Cupper eppure dotato di tutti gli aspetti di sicurezza e comfort. Grazie alla nostra esperienza, siamo in grado di produrre le barche in tecnologia leggera e soddisfare i più alti standard. Tuttavia, siamo flessibili e possiamo anche rispondere alle richieste dei clienti. Ogni barca è costruita su misura ma con attenzione ai dettagli e alla passione!